Covenant of Mayors
  Newsletter trimestrale del Patto December 2012  
       
 
Spostarsi sostenibilmente, attraverso una strategia integrata
{{{Intervista con Gilles Retière, Presidente di Nantes Métropole, Francia.}}} Dal 10 al 12 marzo 2013, Nantes Métropoles – un firmatario attivo e già vincitore del premio "Capitale verde europea" – ospiterà una [conferenza internationale sulla mobilità sostenibile->http://nantes2013.uitp-events-expo.org/]. In vista di questo evento di alto livello, il presidente della comunità urbana ha accettato di rilasciare un'intervista all'Ufficio del Patto dei Sindaci, uno degli organizzatori dell'evento assieme all'[Associazione Internazionale del Trasporto Pubblico (UITP)->http://www.uitp.org/].
 
   

Nel marzo 2013, Nantes ospiterà la Conferenza UITP sulla mobilità sostenibile, quali sono le Sue aspettative riguardo a questo evento ?

Le questioni della mobilità sostenibile e dei vincoli di bilancio - che saranno sollevate nel corso di questa conferenza - sono al centro delle sfide che sono affrontate dagli enti locali, oggi e in futuro. I problemi economici, così come li conosciamo, sono di lunga durata e mettono ancora più in evidenza la necessità di fornire alle persone la qualità della vita a cui aspirano, l’importanza di preservare l’ambiente e le risorse del pianeta e il dovere dei capoluoghi di regione di sostenere la vitalità del loro territorio in un contesto economico difficile. Tutte queste sfide devono essere affrontate, e questo è ciò che si trova al centro di una politica di mobilità efficace. Nantes ha sviluppato alcune soluzioni, a questo proposito, che possono essere di interesse per un pubblico internazionale. In effetti, tutte le iniziative che si sono dimostrate efficaci nell’affrontare le suddette sfide devono essere analizzate, condivise, recepite.

Stiamo solo assistendo all’inizio di questi cambiamenti ed è quindi necessario aprire la strada agli investimenti del futuro.

Nantes Métropole compare tra gli oltre 2.000 firmatari che hanno adottato un PAES. Cosa indica questo percorso in termini di trasporto sostenibile ?

Il PAES di Nantes Métropole si basa sulle azioni intraprese all’interno del nostro PDU (Piano urbano della mobilità) e delinea l’azione globale e coerente della città. L’attuale PDU sostiene gli obiettivi del Piano d’azione per l’energia sostenibile di Nantes, facendo eco alle sue sfide e contribuendo in gran parte al raggiungimento di obiettivi quantitativi.

Come ha beneficiato la città di azioni passate e in corso in questo campo ?

Nel corso degli ultimi due anni, l’attuazione di una politica pubblica proattiva sulla mobilità (sviluppo di una rete di trasporto urbano collettivo in tutto il territorio : tram, bus a traporto rapido,...) ha permesso a Nantes Métropole di rispondere meglio alle sfide della riduzione delle emissioni di gas a effetto serra e della eccessiva dipendenza dai combustibili fossili. In questo contesto in rapida evoluzione, le politiche pubbliche di mobilità sono sempre più integrate. L’articolazione della pianificazione politica, gli alloggi, il lavoro e gli spostamenti sono una priorità. È anche importante tenere il passo con l’evoluzione degli stili di vita, in particolare promuovendo il cambiamento del comportamento attraverso nuovi servizi o tecniche di comunicazione (come i laboratori sul clima e la mobilità). Questo è anche in linea con la necessità di assicurare una cooperazione inter-agglomerata (ad esempio, all’interno dell’area urbana o del centro urbano di Nantes-St Nazaire) poichè l’approccio città-centrico non è sufficiente. Per essere efficaci, dobbiamo pensare in termini di aree abitative.

Quest’azione ha svolto un ruolo importante nella vincita di Nantes del titolo di Capitale verde europea. L’azione a lungo termine di Nantes Métropole nel settore del trasporto pubblico è stato elogiata dalla giuria.

Il nostro impegno nel Patto dei Sindaci ha messo in evidenza la necessità di misurare l’impatto delle azioni delineate nel nostro piano di mobilità in termini di emissioni di gas serra. Grazie a varie indagini sulla mobilità, agli strumenti di valutazione dell’impatto climatico, e altre misure di questo tipo, ora sappiamo che le azioni di mobilità contribuiscono in larga misura all’obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 di Nantes Métropole e raggiungere una riduzione del 30% pro capite entro il 2020 rispetto al 2003.

Mentre i primi due piani di mobilità promuovevano fortemente il trasporto pubblico, quello attuale - pur prevedendo ulteriori sviluppi in questo campo - pone un accento maggiore sulla promozione del camminare e dell’andare in bicicletta.

Ha delle raccomandazioni per i colleghi firmatari che cercano di sviluppare politiche di mobilità urbana sostenibile ?

Penso che sia importante sottolineare che l’attuazione di una politica pubblica sulla mobilità sostenibile richiede coerenza e coordinamento tra tutte le politiche pubbliche : dalla pianificazione abitativa a quella urbanistica, dalle questioni climatiche a quelle dei luoghi di lavoro, e dalla pianificazione a lungo termine del trasporto pubblico alle proiezioni di bilancio pluriennali.

** I firmatari del Patto dei Sindaci interessati a partecipare alla conferenza sulla mobilità sostenibile a Nantes beneficeranno della stessa vantaggiosa quota di partecipazione dei membri della UITP ; i relativi moduli di iscrizione sono disponibili in inglese e francese **

 
     
    >> Newsletter mensile del Patto December 2012 << (400 visits )  
     
Siamo su:
Twitter Facebook
Covenant of Mayors
  Solamente l’Ufficio del Patto dei Sindaci è responsabile per il contenuto di questa Newsletter. Non necessariamente rispecchia l’opinione dell’Unione Europea. La Commissione Europea non è responsabile per alcun uso che può essere fatto delle informazioni qui contenute. Il Patto dei Sindaci è stato istituito con il supporto finanziario della Commissione Europea e consiste di cinque associazioni di autorità locali europee: Energy Cities, Climate Alliance, Eurocities, CEMR, and Fedarene.

Tradotto nel quadro del Progetto Leonardo LDP III - Patto Nord Barese Ofantino

Iscriviti / Cancellati dalla newsletter.
European Union  
 
Covenant of Mayors