Illustration Come Provincia o Regione

Il Patto dei Sindaci per il clima e l’energia deve molto del suo successo alla partecipazione attiva delle regioni, province e altri enti pubblici che hanno messo le loro risorse e il loro know-how al servizio dei firmatari. Riconosciuti come Coordinatori del Patto da parte della Commissione, essi agiscono come alleati chiave nel trasmettere il messaggio e aumentare l’influenza del Patto.

Chi ha i requisiti necessari?

Province, regioni, enti pubblici nazionali, aree metropolitane, raggruppamenti di enti locali ... Qualsiasi amministrazione pubblica che si impegni ufficialmente a fornire consulenza strategica e assistenza tecnico-finanziaria ai firmatari del Patto sarà ufficialmente riconosciuta dalla Commissione europea come Coordinatore del Patto.

Per ulteriori delucidazioni, si prega di contattare l’helpdesk dei Coordinatori del Patto scrivendo a: coordinators@eumayors.eu.

Quali sono gli impegni richiesti?

  • Promuovere l’adesione al Patto dei Sindaci tra i comuni nel territorio e fornire sostegno e coordinamento ai comuni firmatari;
  • Fornire assistenza tecnica e strategica ai comuni che desiderano aderire al Patto ma che non dispongono delle risorse necessarie per preparare un Piano d’azione per l’energia sostenibile;
  • Fornire sostegno finanziario e opportunità ai comuni per lo sviluppo e l’attuazione del Piano d’azione per l’energia sostenibile;
  • Assistere nell’organizzazione delle giornate locali per l’energia ai fini di una maggiore sensibilizzazione;
  • Presentare periodicamente rapporti alla Commissione sui risultati ottenuti e partecipare all’attuazione strategica del Patto.

In caso di inattività o di impegno insufficiente, la Commissione europea si riserva il diritto di sospendere la partecipazione di una regione o provincia come Coordinatore del Patto.

Come presentare domanda?

Le amministrazioni pubbliche interessate ad ottenere lo status di Coordinatore del Patto devono conformarsi alla seguente procedura:

  • Compilare il modulo di adesione online;
  • Dopo la conferma di ammissibilità, completare il modulo di accordo che dovrà essere firmato congiuntamente dalla Commissione europea;
  • Successivamente alla firma dell’accordo da entrambe le parti, aggiornare il profilo online creato con informazioni esaustive circa i servizi e il sostegno che intendono fornire ai firmatari.

Perché aderire?

Diventare un Coordinatore del Patto implica molteplici vantaggi:

  • Approvazione e riconoscimento da parte della Commissione europea;
  • Ampia visibilità su scala internazionale, ad esempio attraverso la promozione delle proprie azioni sul sito web del Patto;
  • Condivisione delle esperienze con le controparti europee;
  • Feedback tecnico e scientifico sugli strumenti e le metodologie sviluppati;
  • Partecipazione a gruppi di discussione dedicati, workshop e altre piattaforme di condivisione delle esperienze;
  • Ultimo, ma non per questo meno importante, consolidamento dello sviluppo territoriale e rafforzamento della governance locale.
twitter
twitter 1
twitter 2
facebook
facebook 1
facebook 2
newsletter
newsletter 1
newsletter 2
rss feeds
rss feeds 1
rss feeds 2
Con il sostegno politico della Commissione europea Con il sostegno politico della Commissione europea. Sito web coordinato dall'Ufficio del Patto.
News | Agenda | Mappa del sito | Help RSS | Crediti | Avvisi legali